Docente di Lettere - Scuola Superiore

 
area studenti
area docenti
progetti
 

La verità della vita è dove ci portano le nostre emozioni.

Giuseppe Conte, poeta

 

Cleopatra
Regia di Joseph L. Mankiewicz – USA 1963
Con Elizabeth Taylor (Cleopatra), Rex Harrison (Giulio Cesare), Richard Burton (Marco Antonio)
Durata: 226 minuti

 

Vicenda: 1^ parte: Egitto-Roma, 48-44 A. C. Giulio Cesare, dopo la vittoria di Farsalo, insegue il suo nemico Pompeo ed approda in Egitto. Qui si vede consegnare la testa del suo rivale dal sovrano egiziano Tolomeo, che in contrasto con la sorella Cleopatra, vuole ingraziarsi il potente condottiero romano. Cesare, però, s'innamora di Cleopatra e la colloca sul trono d'Egitto. Da lei ha un figlio, Cesarione, che la madre porta con sé a Roma dove si celebra il trionfo di Cesare. All'uccisione di questo, alle Idi di marzo del 44, Cleopatra torna in Egitto.
2^ parte: Egitto, 36-31 A.C. Marco Antonio incontra Cleopatra e se ne innamora, nonostante la ragion di Stato lo abbia costretto a sposare Ottavia, sorella di Ottaviano. Ormai è la guerra civile. Ad Azio le navi di Ottaviano sconfiggono quelle di Cleopatra e Marco Antonio e ai due amanti non resta che il suicidio per sfuggire all'umiliazione di diventare bottino di guerra del trionfatore Ottaviano.

Punti di discussione:
1. Il contrasto fra l'amore e le spietate leggi della Storia. Tale contrapposizione è presentata come insanabile e come foriera di morte per chi, come Cleopatra e Marco Antonio, ripone le proprie speranze di felicità nel rapporto amoroso. All'opposto dei due protagonisti, Ottaviano rappresenta il freddo e cinico calcolo politico che mira alla conquista e al mantenimento del potere.
2. La simpatia del regista si indirizza verso coloro che si lasciano travolgere dal sentimento e questo fa sì che il film sia dominato dalle figure di tre perdenti: la regina d'Egitto che, pur consapevole della necessità di non lasciarsi guidare dalle passioni, si abbandona all'amore per Marco Antonio, che per la medesima ragione a sua volta rinuncia alla sicurezza che gli garantiva l'alleanza con Ottaviano e, infine, lo stesso Cesare, che grazie al rapporto con la bellissima Cleopatra riesce ad attenuare l'angoscia della decadenza fisica.

Da considerare:
1. Il film ebbe una gestazione tormentata e difficoltosa: le riprese, iniziate in Inghilterra e proseguite negli studi romani di Cinecittà, si protrassero per ben tre anni facendo lievitare i costi sino alla cifra spaventosa per quell'epoca di quaranta milioni di dollari, che portò la Century Fox sull'orlo del fallimento e al licenziamento l'ideatore del progetto Spyros Skouras; al regista Mamoulian subentrò Mankiewicz, che accettò di malavoglia di dirigere un film che non sentiva come suo. Il successivo scarso successo al botteghino e i giudizi negativi della critica fecero il resto, decretando la fine della stagione dei kolossal storici hollywoodiani, nel senso che nessun produttore si azzarderà più a rischiare ingenti investimenti in un genere cinematografico che aveva ormai fatto il suo tempo.
2. Il soggetto è tratto dalle opere di Plutarco, Svetonio, Appiano, da The Life and Times of Cleopatra di Carlo Maria Franzero, da Antonio e Cleopatra e Giulio Cesare di William Shakespeare e Cesare e Cleopatra di George Bernard Shaw. Per questa ragione più che la veridicità storica il film propone il connubio romantico Amore-Morte e il conflitto universale ed eterno tra Essere e Dover Essere, temi tipicamente shakespeariani.
3. Il film esprime i momenti più significativi nella dimensione grandiosa e ad alto tasso di spettacolarità tipica del kolossal, come la famosa sequenza dell'entrata in Roma di Cleopatra e quella della battaglia di Azio.

Questionario sul film:
1. In relazione alla prima parte del film, traccia un quadro del personaggio di Giulio Cesare, effettuando possibilmente un confronto con le caratteristiche dello stesso personaggio tratteggiate negli altri due film visti in classe (Spartacus e Giulio Cesare).
2. Dove avviene il primo incontro tra Antonio e Cleopatra a tre anni dalla morte di Cesare?
3. Dove avviene l’incontro chiarificatore tra Antonio e Ottaviano? Qual è l’intenzione di Ottaviano? Cosa prevede l’accordo tra i due?
4. Cosa pretende e ottiene Cleopatra da Antonio?
5. Con quali argomenti Ottaviano riesce a dimostrare al Senato che Antonio è diventato ormai nemico pubblico di Roma?

Riflessioni filosofiche:
In questo film assume un ruolo centrale il conflitto tra Essere e Dover Essere. Prova a riflettere un po’ su te stesso, rispondendo alle seguenti domande:
- Il giudizio degli altri condiziona il tuo comportamento?
- Sapere che gli altri si formeranno un giudizio su di te in base al tuo comportamento ti aiuta ad essere migliore, ti crea ansia, ti infastidisce o ti è indifferente? Motiva la tua risposta.
- Quando devi operare una scelta di particolare complessità ti rifai ai modelli familiari, ti adegui a quello che fanno i tuoi amici, preferisci sempre e comunque scegliere da solo, o, solitamente, prima chiedi consiglio e poi decidi? Motiva la tua risposta.
- Ti è mai capitato di decidere come comportarti, per esempio, nei confronti di una persona cara che ti aveva offeso? Qual è stata la tua scelta? Hai seguito rigide norme di comportamento oppure hai ascoltato le ragioni dell’affetto e del sentimento?

indietro
 
     

Visita il sito del Liceo Scientifico G. Marconi
di Pesaro


www.lsmarconi.it

liceo scientifico g. marconi

 
Include le schede e le recensioni delle ultime novità cinematografiche. Comprende sezioni anche sui formati DVD e VHS. Utile per scaricare locandine e altre immagini.
Archivio del cinema italiano con schede complete, foto, premi, giochi e ricerche.
Recensioni, interviste, conferenze stampa e servizi audio e video dal mondo del cinema.
Film & Chips: panoramica delle migliori recensioni italiane, con articoli originali e critiche comparate. Articoli tratti dai Cahiers du Cinéma e Variety.
Realizzato da studenti e docenti dell'Università di Pavia, propone recensioni, saggi, articoli, notizie ed eventi legati al mondo della celluloide.
Presenta schede informative per alcuni fra i più importanti film italiani dal 1942 al 1975. Ospita inoltre immagini, interviste e recensioni.
Il sito della rivista CINEFORUM.