Docente di Lettere - Scuola Superiore

 
area studenti
area docenti
progetti
 

La verità della vita è dove ci portano le nostre emozioni.

Giuseppe Conte, poeta

 
Magdalene
(The Magdalene sisters)
Regia di Peter Mullan – 2002
Con Geraldine McEwan (Sorella Bridget), Anne-Marie Duff (Margaret), Dorothy Duffy (Rose), Nora-Jane Noone (Bernardette), Eileen Walsh (Crispina),
Mary Murray (Una)
Durata: 119 minuti




Ambientazione: La vicenda, basata su una storia vera, è ambientata nell’ Irlanda del 1964 in uno dei conventi “Magdalene”, gestiti allora dalle suore della Misericordia e nei quali venivano rinchiuse le ragazze che si riteneva fossero contravvenute alle regole del buon costume. Da tali luoghi era difficile che uscissero vive a causa delle gravissime pene, materiali e morali, che dovevano sopportare ed anche se sopravvivevano erano per sempre segnate presso l’opinione pubblica. Nel film sono quattro le ragazze rinchiuse, due perché divenute madri senza essersi sposate, una perché violentata e l’altra a causa dell’eccessiva bellezza e del pericolo che si pensava questa potesse costituire per lei e per gli altri. Oltre alle torture fisiche che subiranno, saranno private di qualsiasi diritto e costrette a lavorare ogni giorno nelle lavanderie del convento. Il film ha vinto il Leone d'Oro alla 59^ Mostra del Cinema di Venezia.

Punti di discussione:
1. Le conseguenze del fanatismo religioso o ideologico.
2. La prigionia come annientamento della dignità umana.
3. L’ipocrisia della società.
4. Il coraggio di opporsi a un universo totalitario e persecutorio.

Personaggi:
· Margaret (Anne-Marie Duff), Rose (Dorothy Duffy) e Bernadette (Nora-Jane Noone) sono tre ragazze che vivono nella contea di Dublino negli anni '60: la prima è stata violentata da un amico durante una festa nuziale, la seconda ha avuto un bambino senza essere sposata e l'ultima ha scambiato qualche parola con alcuni coetanei fuori dalla cancellata dell'orfanotrofio nel quale vive. Considerate peccatrici, vengono rinchiuse in uno dei conventi "Magdalene", gestiti dalle suore della Misericordia.
Crispina (Eileen Walsh), una povera ritardata (anche lei ragazza-madre) che viene trasferita in manicomio quando rivela pubblicamente i servigi sessuali resi al pastore del convento.
Sorella Bridget (Geraldine McEwan), la terribile madre superiore, tanto crudele quanto venale.

Da considerare:
1. Il simbolismo ripetuto della croce, del denaro e della chiave.
2. La complessità psicologica dei personaggi (in particolare Sorella Bridget, Crispina e Bernardette).
3. La potenza comunicativa delle immagini, preferita al dialogo didascalico.
4. La scena più emozionante.

indietro
 
     

Visita il sito del Liceo Scientifico G. Marconi
di Pesaro


www.lsmarconi.it

liceo scientifico g. marconi

 
Include le schede e le recensioni delle ultime novità cinematografiche. Comprende sezioni anche sui formati DVD e VHS. Utile per scaricare locandine e altre immagini.
Archivio del cinema italiano con schede complete, foto, premi, giochi e ricerche.
Recensioni, interviste, conferenze stampa e servizi audio e video dal mondo del cinema.
Film & Chips: panoramica delle migliori recensioni italiane, con articoli originali e critiche comparate. Articoli tratti dai Cahiers du Cinéma e Variety.
Realizzato da studenti e docenti dell'Università di Pavia, propone recensioni, saggi, articoli, notizie ed eventi legati al mondo della celluloide.
Presenta schede informative per alcuni fra i più importanti film italiani dal 1942 al 1975. Ospita inoltre immagini, interviste e recensioni.
Il sito della rivista CINEFORUM.