Docente di Lettere - Scuola Superiore

 
area studenti
area docenti
progetti
 

La verità della vita è dove ci portano le nostre emozioni.

Giuseppe Conte, poeta

 
Io non ho paura
Regia di Gabriele Salvatores – 2003
Con Giuseppe Cristiano (Michele), Mattia Di Pierro (Filippo), Aitana Sànchez-Gijòn (Anna), Dino Abbrescia (Pino), Giorgio Caroccia (Felice), Antonella Stefanucci (Assunta), Diego Abatantuono (Sergio)
Durata: 109 minuti



Ambientazione: Tratto dall’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti, il film è ambientato in un sud archetipico, popolato da figure che vivono di un immediato valore simbolico (il padre, la madre, il bambino) e delinea un esemplare percorso di crescita: l’abbandono del mondo dell’infanzia attraverso una dolorosa presa di coscienza.

Punti di discussione:
1. Cosa pensi, come valuti i due giovani protagonisti del film? Cosa avresti fatto tu nei panni di Michele? Cosa avresti fatto tu nei panni di Filippo? Cosa ne pensi del comportamento della madre di Michele? E del padre? Come giudichi la famiglia di Michele? Perché è proprio un tipo come Michele a scoprire Filippo? Cosa genera l’amicizia fra i due? Se ti capitasse ciò che è accaduto a Michele riusciresti a tenere per te questo grande segreto o lo confideresti a qualcuno? Perché?
2. L’incontro con la diversità: un evento pericoloso, da temere e evitare o un’opportunità per crescere e arricchirsi dell’alterità sconosciuta?
3. Gli ‘ingredienti’ necessari per crescere: il coraggio, la lealtà, la conoscenza, la capacità di ‘guardare’, la fiducia in sé e negli altri, l’aiuto reciproco, l’amicizia, la solidarietà.
4. Le paure: come si manifestano, quali sono, dove e come si sentono, come si possono superare.
5. I modi per affrontare l’abbandono, la solitudine, la paura.
6. La capacità di andare oltre le apparenze.
7. I luoghi archetipi delle paure infantili: la grotta, lo sgabuzzino buio, lo spazio sotto il letto, il bosco…
8. I luoghi dell’interdizione e i luoghi proibiti, da non violare.

Personaggi:
Michele (Giuseppe Cristiano), un bambino di dieci anni, che vive con i genitori e la sorellina più piccola in un casolare sperduto nella campagna del sud Italia.
Filippo (Mattia Di Pierro), un bambino rapito che Michele trova sporco, affamato e legato al terreno con una catena che gli stringe la caviglia.
Sergio (Diego Abatantuono), un amico del padre di Michele, venuto dal nord per seguire “certi affari”.

Da considerare:
1. La dialettica degli opposti: buio/luce, alto/basso, chiuso/ aperto, le viscere della terra/il cielo, le creature notturne del sottosuolo/gli animali diurni del cielo, il ragazzo moro/il ragazzo biondo, gli adulti/i bambini.
2. La figura della madre e quella del padre.
3. Il gruppo dei pari: relazioni, gioco e tempo libero.

indietro
 
     

Visita il sito del Liceo Scientifico G. Marconi
di Pesaro


www.lsmarconi.it

liceo scientifico g. marconi

 
Include le schede e le recensioni delle ultime novità cinematografiche. Comprende sezioni anche sui formati DVD e VHS. Utile per scaricare locandine e altre immagini.
Archivio del cinema italiano con schede complete, foto, premi, giochi e ricerche.
Recensioni, interviste, conferenze stampa e servizi audio e video dal mondo del cinema.
Film & Chips: panoramica delle migliori recensioni italiane, con articoli originali e critiche comparate. Articoli tratti dai Cahiers du Cinéma e Variety.
Realizzato da studenti e docenti dell'Università di Pavia, propone recensioni, saggi, articoli, notizie ed eventi legati al mondo della celluloide.
Presenta schede informative per alcuni fra i più importanti film italiani dal 1942 al 1975. Ospita inoltre immagini, interviste e recensioni.
Il sito della rivista CINEFORUM.